menu Home
Settembre 19, 2020

#Artists [Underwater VA] : DECKERT

deckert

#MusicInTheAir Podcast ospita questa settimana : DECKERT

Continua il nostro percorso che ci porterà a alla scoperta del Various Artists,
il nuovo progetto speciale di
Villahangar che punta lo sguardo agli artisti più interessanti di oggi,
tra nuovissimi talenti e nomi già conosciuti e affermati.

Oggi è la volta di Deckert.

Dando il via alla sua carriera musicale una decina di anni fa girando il mondo come bassista per il famoso gruppo Indie Pop tedesco “Jennifer Rostock”, il berlinese Deckert nel 2017 ha unito le forze con il produttore e dj Aaaron. La loro felice prima collaborazione “LDOE” ha avuto un inaspettato successo enorme sui dancefloor di tutto il mondo, regalando ad entrambi un posto in Connected, l’etichetta inglese gestita dal leggendario Stereo Mc’s, che ha pubblicato il suo primo EP come solista.

Il suono di Deckert è influenzato da un’ampia varietà di generi frutto del gusto personale tra Hip Hop, Emo, New Rave e di anni di incursioni nel cuore concreto della Techno berlinese, città che vanta tra i migliori e più noti club techno nel mondo, che alla fine si traduce in un’interpretazione che vede fondersi melodia con i paesaggi sonori house percussivi contemporanei.

Le sue collaborazioni in corso con Aaaron vedono EP acclamati su etichette come MoBlack, Chapter 24, Connected e Scatcity.

Inoltre, il musicista è metà del progetto “Deorbiting” che esce costantemente sull’etichetta Stil vor Talent del dj e produttore discografico tedesco di musica dance e house Oliver Koletzki, diventato famoso a livello internazionale con il brano Der Mückenschwarm pubblicato con l’etichetta discografica Cocoon Recordings. Non rinuncia al suo spirito Hardcore Punk ed è bassista oggi dei Gray Noir.

Quando e come è stato il tuo primo incontro con la musica?

Il mio primo appuntamento con la musica è stato probabilmente una sorta di strana Eurodance negli anni ’90. In tema di emancipazione dalla modalità radiofonica, sicuramente sono approdato tardi. L’Hip Hop è stato il mio primo genere preferito quando avevo 15 anni, mi piaceva molto anche l’uso pesante delle parole. Ma fin da allora mi sono interessato più alla produzione strumentale che ai testi. La maggior parte dei beat di DJ Premier di quei tempi spaccano ancora oggi!

 

A quale genere ti associ e come definiresti il ​​tuo suono?

Nella mia tarda adolescenza e all’inizio dei 20 anni mi identificavo totalmente con il genere che stavo ascoltando, come ogni ragazzino. Non importava se fosse HipHop, Emo o New Rave, la mia identità si fondeva con ciò che ascoltavo. Invecchiando e acquisendo un po’ più di coscienza, la questione del genere non ha più avuto così grande importanza e ho cercato di adattare tutto ciò che mi piaceva alla mia personalità, non il contrario. Potrei produrre musica elettronica in questo momento, ma suono anche il basso in una band Hardcore e ascolto J-Pop sotto la doccia. La mia musica è una specie di mostro di Frankenstein di tutto. In un buon modo. Fiduciosamente! Non sta a me decidere!

Cosa significa per te far parte di Villahangar e perché hai deciso di accettare l’invito di questa etichetta a collaborare?

Per farla breve: sono stato presentato a Everything Counts nel 2019 da un amico a Istanbul. Mi ha fatto ascoltare alcuni brani inediti e me ne sono innamorato all’istante! Ci siamo messi in contatto e hanno fatto un Remix per il mio primo EP Solo in Connected. Durante il processo Chris mi ha presentato alla famiglia Villahangar ed è così che sono finito qui! Mi piace molto lo sforzo e il risultato di Villahangar e questo mi rende felice di farne parte! Ci sono tante persone simpatiche e di talento!

 

Com’è nata questa traccia?

Questa canzone è nata da una Jam Session che ho avuto con un basso e una bottiglia di vino. Il 90% di questa traccia era finita in questa notte in particolare.
Ho iniziato con un semplice loop di batteria, ho suonato sul mio Fender P Bass e poi aggiunto sempre più elementi. Il campione vocale nella pausa è un taglio di Timbaland di “Try Again” di Aaliyah, una delle mie canzoni R&B preferite di tutti i tempi. Spero che questo non mi porti problemi con il copyright! Mi piace sempre aggiungere piccoli campioni che non sono strettamente personali, ma soprattutto è un modo di divertirmi.

Quali sono le atmosfere, il tipo di suono e cosa hai cercato di trasmettere con questa traccia?

È molto malinconica. Immagino che sia uno degli effetti a lungo termine di una fase emo terribilmente lunga. Praticamente tutto ciò che creo finisce per essere un po’ sentimentale. Il che non è un problema per me, preferisco la musica triste a tutto il resto. Il paesaggio sonoro stesso di questa traccia è una miscela piuttosto selvaggia di elementi diversi, ma la fusione di tutto ciò e come è combinato funziona abbastanza bene. Almeno lo spero. Il che ci porta al tema. Il titolo “Imposter the Syndrome”, così come il tono generale della track si riferisce agli effetti collaterali della scelta di uno stile di vita artistico. Non hai mai veramente finito con le tue capacità, il tuo lavoro o la tua carriera e sembra che ci siano sempre altri artisti in grado di gestire le loro cose molto meglio di te. “È passato tanto tempo” e probabilmente non finirà mai. Ma vale comunque la pena intraprendere ogni centimetro di questo percorso.

 

The Various Artist è un progetto che riunisce diversi artisti. Cosa ne pensi? Come vivi uscire con altri artisti?

Questa è una delle cose che preferisco della scena musicale elettronica. È così facile entrare in contatto con artisti che ti piacciono in tutto il mondo e avviare collaborazioni. La maggior parte delle persone che ho incontrato hanno una mentalità molto aperta e si supportano a vicenda in molti modi diversi. Molti là fuori potremmo definirli lupi, ma lavorare insieme a un progetto moltiplica sempre il divertimento.

#TRACKLIST

01. Deorbiting – Spaziergang im All / Stil vor Talent
02. Re.You – Relocate ft. Stereo MCs (Rodriguez Jr. Remix) / Connected
03. Budda Sage, Froote, Kususa – Dimension / MoBlack
04. Deckert – Imposter The Syndrome / Villahangar
05. Tim Engelhardt – Idiosynkrasia (Single Version) / Stil vor Talent
06. Deckert – Sakura Dust / Connected
07. Daniele Di Martino & Deckert – Sargas / URSL
08. KingDonna – The Cow Song (Original Mix) / MoBlack
09. Everything Counts – Lalibel / Kinesen
10. Deorbiting – Dopkeratops / Stil vor Talent



Share :




  • cover play_circle_filled

    01. Nguvu
    Double Drop

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Imposter of Syndrome
    Deckert

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Tembour
    Sound Shapes

    file_download
  • cover play_circle_filled

    04. Mount Athos
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    05. Raksat
    Nina Simmons

    file_download
  • cover play_circle_filled

    06. Matizze
    Siddhartha

    file_download
  • cover play_circle_filled

    07. SOCKO IGFEED
    Socko

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. SUNDAY MORNING
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. SCALA
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. PLEASURE TANGO
    Matt Sawyer, Everything Counts

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Take Me Back
    Airbas, Maria Angeli

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Take Me Back (Ricky ‘BiRickyno’ Classic Piano Dub Mix)
    Airbas, Maria Angeli

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Umma
    Matt Sawyer, Everything Counts

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Carpe Diem
    Mavee

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Chakra
    Alessandro Ghassemi

  • cover play_circle_filled

    02. Chakra (Mavee Remix)
    Alessandro Ghassemi

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Sestante
    Everything Counts, Matt Sawyer

  • cover play_circle_filled

    01. Weaker (Mavee Radio Rmx)
    Juza

  • cover play_circle_filled

    01. Weaker (Mavee Remix)
    Juza

play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play