menu Home
Agosto 15, 2021
SPARROW & BARBOSSA

#MusicInTheAir Podcast hosts this week :
SPARROW & BARBOSSA

Villahangar continua ad accogliere nuovi artisti di massimo rilievo per il suo format #MusicInTheAir.

Oggi per il Podcast è il turno del debutto di uno duo d’eccezione: Sparrow & Barbossa, duo di DJ e produttori con sede a Madrid, in Spagna, formato dallo svizzero Bryan Coletta e dall’uruguaiano Emiliano Haberli.

Entrambi sono immersi nella musica da sempre. Bryan è un pianista e proviene da una famiglia di musicisti: suo padre è il leggendario chitarrista Francis Coletta che ha lavorato con artisti come Whitney Houston, Quincy Jones o Frank Sinatra.

Emiliano invece è nato e cresciuto in una regione dell’Uruguay dominata dai colonialisti africani ed è stato ampiamente influenzato da “The Culture Of Candombe”, un puro ritmo tribale africano del colonialismo.

Fin da giovanissimo Bryan è stato influenzato da soul, jazz e funk, che utilizza nelle sue creazioni con la sua grande capacità di improvvisazione e versatilità.

Emiliano si è trasferito in Europa 15 anni fa, dove si è connesso con la scena della musica elettronica, iniziando a formare il suo stile nel mondo della musica, suonando la batteria per DJ Chus & Joeski nel loro brano classico chiamato “El Amor”. 

Insieme, Bryan ed Emiliano formano Sparrow & Barbossa, creando una fusione tra suoni progressivi organici ed elettronici. La loro differenza di età ha un’influenza positiva sia sulle loro uscite che sulle loro prestazioni. Mentre Bryan porta la freschezza dei suoni e delle melodie moderne, Emiliano affina la parte ritmica e accumula le sue conoscenze nel corso degli anni.

Barbossa infatti si occupa delle basi ritmiche e degli assoli mentre Sparrow si occupa del lato melodico/FX/Mixing del montaggio con entrambi collaborando agli arrangiamenti generali.

Globe-trotter, sono veri amanti delle culture etniche e perdute, e dediti a trasmettere questa eredità attraverso la musica elettronica.

Tra le loro influenze, molta musica afro-latina ma anche influenze orientali e tribali. Essendo entrambi musicisti, vantano così un discreto background musicale in Jazz, Latin, Salsa, Candombe, tra gli altri generi.

Uniscono insieme due passati differenti: Barbossa infatti proviene da un background house classico con più di 20 anni di residenza allo Space ad Ibiza mentre Sparrow proviene da un background più melodico dopo la sua residenza al D Club Lausanne.

Rifuggono perciò dalla categorizzazione in un genere specifico: il loro lavoro è una trasmissione di eredità multiculturale attraverso la musica elettronica, ma si potrebbe definire dire a metà tra Latin e Afro House.

Hanno pubblicato con molte etichette internazionali, come MoBlack, Mandoras in Da House, Stereo Productions, Redolent Music, Radiant, Cacao, Inward, Parallel, Wired.

Parte della famiglia Redolent Music, comproprietari di Inward Records insieme a Pippi Ciez e ST53, Sparrow & Barbossa sono conosciuti soprattutto per la loro versione di Mory Kante’  Yeke’ pubblicata sull’etichetta Wired di Enzo Sifredi, che ha raggiunto la #1 Afro House e il loro remix di ‘Nterini’ di Fatoumata Diawara pubblicato su MoBlack che ha raggiunto la #2 Afro House.

Per quanto riguarda i progetti attuali e futuri, hanno appena pubblicato il loro album di debutto “SEVEN SEAS” su Redolent, che vedrà la pubblicazione di vari pacchetti di remix durante l’anno su tutte le principali etichette afro house.

Per quanto invece concerne le performance, Seven Seas segna l’inizio di una nuova offerta di Live Performance che hanno in programma di portare in tour nei prossimi mesi. Per ora saranno in tournée in Europa fino a ottobre e poi torneranno nelle Americhe e nei Caraibi ad ottobre per alcuni mesi.

Bryan Coletta – Sparrow: sei un pianista e vieni da una famiglia di musicisti: tuo padre è il leggendario chitarrista Francis Coletta che ha lavorato con artisti come Whitney Houston, Quincy Jones o Frank Sinatra. Dove sei nato e in che modo il fatto di venire da una famiglia musicale ha influenzato il tuo approccio alla musica e il tuo stile musicale?

Sono nato in Svizzera a Friburgo dove sono cresciuto con i miei genitori e sono rimasto fino all’età di 20 anni. Fin da giovanissimo mio padre mi ha messo in studio e mi ha insegnato le basi di Audio Engineering, Recording, Editing insieme al suo team di abili ingegneri (Saluti ad Awerell, NiceHill Studio). Mi portava anche ai suoi concerti quando ero un ragazzino e dormivo nella custodia della sua chitarra nel backstage, quindi la musica ha davvero fatto parte della mia infanzia sin da quando ero molto piccolo. Mi ha anche portato a varie sue importanti sessioni di registrazione, ad esempio all’Hansa Studio di Berlino, quando ho continuato a imparare sempre più cose anche sul mastering e sulla produzione su apparecchiature pesanti come strumenti professionali e apparecchiature analogiche. Tutto questo background contribuisce sicuramente ogni giorno alla mia attuale produzione musicale e ispirazione e lo considero come l’eredità più preziosa di sempre e ho intenzione di portarlo alla prossima generazione un giorno, si spera.

 

Bryan Coletta – Sparrow: Suoni altri strumenti oltre al pianoforte? E oltre a quelli che suoni, ce ne sono altri che ti affascinano per la loro capacità evocativa e sonora?

Oltre a pianoforte e tastiere, organi, sintetizzatori, non suono nessun altro strumento anche se sono sempre stato un grande fan degli strumenti chitarra/basso. Recentemente ho iniziato ad esibirmi dal vivo con Live on stage e considero decisamente questo come una sorta di “strumento” in quanto le possibilità di improvvisazione sono davvero infinite. Provenendo da un background jazz, direi che ho finalmente trovato il mio perfetto terreno di gioco improvvisato con le performance live di musica elettronica.

Emiliano Haberli – Barbossa: Sei nato e cresciuto in una regione dell’Uruguay. Quanto e come ti ha influenzato dal punto di vista musicale?

Crescere lì è stata una grande ispirazione e prende una parte enorme della mia musica attuale. Fin da giovanissimo sono stato influenzato dai ritmi coloniali “Candombe” e dalla salsa, tra gli altri. Non c’è un giorno in studio in cui non uso questo sottofondo musicale nelle nostre produzioni.

 

Come vivete ora e avete vissuto nel recente passato questo momento particolare per l’umanità di epidemia? Come avete rimediato alla mancanza di poter viaggiare per le vostre ispirazioni?

Onestamente è stato molto difficile all’inizio per entrambi, ma a un certo punto siamo riusciti a convertire tutta questa frustrazione in ispirazione e abbiamo creato quell’album di 12 tracce insieme a forse altre 20-30 produzioni durante lo scorso anno, e alla fine abbiamo siamo piuttosto contenti che sia successo così abbiamo potuto concentrarci così tanto sul lato della produzione.

Avete unito le forze con l’etichetta Inward Records. Da quanto tempo, come avete preso questa decisione e qual è la direzione artistica dell’etichetta?

È più di un anno che lavoriamo con Pippi su questo progetto e ne siamo estremamente contenti. Il fatto segreto è che presto saremo ambasciatori di un nuovo genere su Beatport e prenderemo una grande direzione con l’etichetta, non vediamo l’ora e ne saprete di più molto presto.

Da quanto tempo fate parte di Redolent Music e come è avvenuto il vostro incontro con il dj di così grande esperienza e lunga carriera Chus?

Facciamo parte della famiglia Redolent Music sin dall’inizio, quando abbiamo iniziato a lavorare con Chus come nostro direttore generale, e siamo stati coinvolti nella primissima bozza dell’idea dell’etichetta.

La storia divertente su come ci siamo collegati con Chus è che Barbossa (Uru Haberli) ha effettivamente registrato un successo internazionale con lui in Joeski a New York 20 anni fa chiamato “El Amor”, che in realtà abbiamo remixato un anno fa su Stereo Productions.

20 anni dopo, un giorno Chus ci ha contattato su Instagram perché pensava che il nostro lavoro con Yeke fosse fantastico e voleva connettersi, senza sapere che Barbossa era in realtà Uru con cui ha lavorato. È dopo che finalmente si è reso conto di conoscere Barbossa che tutto è iniziato lì. Siamo davvero grati per questo incontro e per tutto il coaching artistico che ha svolto per noi e pensiamo davvero che questa relazione sarà infinita.


#TRACKLIST

01. MoHorizons, Sparrow & Barbossa – Quando Te Veo feat. Francis Coletta (Original Mix) / Redolent
02. Fans – Umuntu feat. Andy Keys & Mavuthela (Extended Mix) / Sondela
03. Vinila Von Bismark, Sparrow & Barbossa – Morena (Original Mix) / Redolent
04. Notre Dame – Your Destiny (Robin Tordjman Remix) / Inward Records
05. Simo Moumen feat. Nuzu Deep – Promise / Madora
06. Soulroots, West & Hill, Jackie Queens – Let Me In (Original Mix) / Madoras
07. Julien Hess & SANDHAUS – Midnight Paradise / Madoras
08. Cee ElAssaad, Sparrow & Barbossa – Libre (Original Mix) / Redolent
09. Rafael Drager & Sebastian Rivero – Even If We Fight / Madoras
10. ALEX DONATI, MATT SAWYER – SUNSET JOURNEY (ORIGINAL MIX) / Villahangar
11. Native Tribe & TTAN – Ancestor’s Calling (Kikko Esse, Emanuele Del Carmine & Antonio Scarano Afro Soul Remix) / Sondela
12. Floyd Lavine, Sparrow & Barbossa – When I’m With You (Original Mix) / Redolent


Share :




  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Original Mix)
    Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (Radio Edit)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Instrumental Mix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Cloud's Song (Original Mix)
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Sunset Journey (Original Mix)
    Alex Donati, Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Behind the Sun (Original Mix)
    Matt Sawyer, Manu EL

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Tribalistars (Original Mix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    02. Tribalistars (Miky J Villa Flaming Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    03. Tribalistars (Matt Sawyer Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    01. Bloom Together
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Rompom
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Odyssey
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Nguvu
    Double Drop

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Imposter of Syndrome
    Deckert

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Tembour
    Sound Shapes

    file_download
  • cover play_circle_filled

    04. Mount Athos
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    05. Raksat
    Nina Simmons

    file_download
  • cover play_circle_filled

    06. Matizze
    Siddhartha

    file_download
  • cover play_circle_filled

    07. Gamma
    Socko

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. SUNDAY MORNING
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. SCALA
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. PLEASURE TANGO
    Matt Sawyer, Everything Counts

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Take Me Back
    Airbas, Maria Angeli

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Take Me Back (Ricky ‘BiRickyno’ Classic Piano Dub Mix)
    Airbas, Maria Angeli

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Umma
    Matt Sawyer, Everything Counts

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Carpe Diem
    Mavee

    file_download
play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play