menu Home
Dicembre 13, 2021
SIMONE GLAD

#MusicInTheAir Podcast hosts this week :
SIMONE GLAD

Per questa settimana Podcast #MusicInTheAir di Villahangar dà il benvenuto ad un nuovo artista: Simone Glad, italiano e che ora vive a San Diego. 

Nato a Noventa Vicentina, un piccolo paese in provincia di Vicenza, ha trascorso qui i primi ventisei anni della sua vita. Poi all’inizio del 2017 si è trasferito nel sud della California.

E’ sempre stato affascinato da giradischi, mixer e vinili: suo padre era comproprietario di un locale di musica. Racconta: “Una volta, mi ci stavo intrufolando quando le porte erano ancora chiuse. Pregai lo staff di lasciarmi allenare mentre si stavano preparando. E li implorai ancora di più di non dirlo a mio padre. Ripensandoci, sono molto grato a quella pista da ballo vuota. Mi ha dato l’opportunità di esercitarmi su un grande sistema audio. Il mio primo vero spettacolo è avvenuto quando ho compiuto 18 anni. Ricordo che le mie mani tremavano e sudavano, ero nervoso ed eccitato allo stesso tempo”.

https://soundcloud.com/simone-glad-743092109

Dove è nato e cresciuto lo ha influenzato molto da un punto di vista musicale. Spiega: “Cresciuto a Vicenza, andavo spesso a “il Muretto” a Jesolo, dove ogni fine settimana si esibivano alcuni dei migliori e più affermati artisti internazionali. Non ho apprezzato molto la scena finché non mi sono mosso onestamente. Pensavo che fosse proprio così. In Italia abbiamo alcuni dei migliori artisti del mondo e anche alcune delle feste più iconiche. Anche in una piccola città come Vicenza, di 150.000 persone, abbiamo avuto dei grandi collettivi che hanno organizzato feste incredibili. Ricordo che nel 2016 “Wake Music” ha portato Nic Fanciulli e Joris Voorn in una discoteca “NordEst”, con sold out. O il HUND che porta Sven Väth alla “Fiera del Soco”. La maggior parte delle persone ha dovuto recarsi a Ibiza o altrove per vedere quelle leggende. Quindi mi sento estremamente fortunato ad aver fatto questa esperienza nella mia prima infanzia e qualcosa rimarrà per sempre sullo sfondo”.

Il suo approccio iniziale con la musica elettronica nelle prime fasi della sua carriera è stato più veloce e focalizzato sulla techno, ed è ancora il suo background, che ama e con cui si diverte. Anche se oggi il suo stile musicale è decisamente più melodico di un tempo, con molti elementi percussivi e organici: più recentemente lo influenzano maggiormente afro house, organic house, melodic house/techno. 

Recentemente ha avuto il piacere di pubblicare musica per molte etichette che ammira come Harabe, The Purr e Open Bar Music. Ha in programma altri brani in uscita nel 2022, e uno di questi sarà pubblicato sull’etichetta “Re:Sound Music” di Michael Hooker.

Come vivi ora e hai vissuto nel recente passato questo momento particolare per l’umanità di epidemia? Come hai rimediato alla mancanza di poter viaggiare per le tue ispirazioni?

Questa pandemia non è stata facile per nessuno. Non essere in grado di visitare la casa e la famiglia mi ha sicuramente rattristato, ma essere bloccato a casa per mesi mi ha dato l’opportunità di creare di più la mia arte e lavorare di più sulle mie capacità di produzione. Mi ha anche reso più consapevole della salute generale e mi ha reso più vicino alla natura. Vivere a San Diego non è affatto male, vivo proprio sull’oceano, anche il deserto è proprio lì, i laghi, le montagne tutto è molto vicino.. c’è molto da fare anche senza il permesso di viaggiare.

 

Cosa pensi della scena musicale californiana? Quali pensi siano le differenze con l’Europa?

La scena musicale nel sud della California è molto varia, ci sono sicuramente molte influenze provenienti dal Sud America, ma la scena musicale complessiva, in particolare a San Diego, è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni. La comunità dei dj qui è come una grande famiglia, molto unita. È sicuramente una città da tenere d’occhio. Sono sicuro che l’artista che sono oggi è anche merito del luogo in cui ho vissuto in questi anni. Ricordo di aver visto e sentito artisti locali come Oscar P esibirsi dal vivo, ero tipo “wow! La sua musica è così diversa”.

 

Quale evoluzione pensi stia vivendo la musica elettronica nel panorama internazionale?

La scena musicale è in continuo cambiamento ed evoluzione. Con il mondo chiuso per un po’ e anche i club, ho visto un ritorno di eventi underground, che personalmente mi sono sempre piaciuti. Ho avuto alcune delle più grandi esperienze nel mondo underground e spero che questo continui. Vedo anche molti altri talenti locali e spettacoli che vengono prenotati e hanno un grande successo. Questo mi rende felice.. 

Come sono stati per te i mesi di luglio e agosto? Hai avuto dei dj set? Restrizioni permettendo, ma ora i locali stanno gradualmente riprendendo l’attività, hai dj set in programma al momento per il futuro?

Sono stati fantastici. Ho passato un’estate fantastica nel complesso. Ho suonato in diversi spettacoli, un paio di fantastiche feste in barca, un’esperienza incredibile e più intima di Burning Man a La Playa nel deserto di Black Rock, che è sempre stato un mio sogno. Sono tornato regolarmente a fare il dj e l’orizzonte del 2022 sembra buono.

 

Viste le difficoltà della pandemia dell’anno passato, come affronti la questione e in quale direzione pensi che dovrebbe muoversi il mondo della musica per superare l’impossibilità di eventi live?

Credo che prima di essere dj, produttori, ballerini o altro, siamo esseri umani. Uno dei nostri punti di forza come esseri umani è la capacità di adattamento. Questo è ciò che vedo è fondamentale in questa pandemia. Non vedo che questo verrà cancellato presto, dovremmo tutti adattarci. Vedo sempre più etichette e artisti che si spostano verso orizzonti più melodici.

Ripensare i luoghi. I club sono divertenti e fantastici, ma non possiamo fare affidamento solo su quelli. E se chiudessero di nuovo? C’è un intero mondo là fuori, dovremmo usarlo. Anche menzionato prima, dando più opportunità ai talenti locali. Prima di cercare un artista dall’altra parte del mondo, i promotori dovrebbero guardare da vicino. Quindi l’artista “non così famoso” che hai nella tua città natale oggi potrebbe essere il “protagonista della droga” di domani.

Prendi dei rischi, sii audace, lancialo.


#TRACKLIST

01. Simone Glad – Changing Direction (original mix) / The Purr
02. Kora (CA) – Vayu (Original Mix) / Earthly Delights
03. Ranta – Milima (Original Mix) / Journey of the Soul
04. Volen Sentir – The great Escape (Original Mix) / Lost & Found
05. El Bastardo – What we got feat Bibi Sanchez (Madraas Remix) / Stellar Fountain
06. Jos & Eli – Tanzania (Blond:Ish Remix) / MoBlack Records
07. Leo Guardo feat Tabia – Bayamemeza / MoBlack Records
08. Oliver Koletzki – Fire in the Jungle (Lunar Plane Remix) / Stil Vor Talent
09. Calussa, Malone – More life (After Hours mix) / Hurry Up Slowly
10. Modulo, Haider Uppal – Violet Woods (Soela Remix) / Nie Wieder Schlafen
11. Rashid Ajami – The Day we never met / Tale & Tone


Share :




  • cover play_circle_filled

    01. Golden Hour (Iban Mendoza Interpretation)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    02. Golden Hour (David Moreno & Iban Mendoza Remix)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    01. Broken Melodies (Extended Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Broken Melodies (Radio Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    01. You Are Beautiful (Afro Take)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    02. You Are Beautiful (Sunset Mix)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    03. Shu
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    04. Piye
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Hanna Hais Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (La Santa Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Eisor Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    04. Mbokodo (Breeze and The Sun Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Original Mix)
    Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (Radio Edit)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Instrumental Mix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Cloud's Song (Original Mix)
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Sunset Journey (Original Mix)
    Alex Donati, Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Behind the Sun (Original Mix)
    Matt Sawyer, Manu EL

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Tribalistars (Original Mix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    02. Tribalistars (Miky J Villa Flaming Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    03. Tribalistars (Matt Sawyer Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    01. Bloom Together
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Rompom
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Odyssey
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Nguvu
    Double Drop

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Imposter of Syndrome
    Deckert

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Tembour
    Sound Shapes

    file_download
  • cover play_circle_filled

    04. Mount Athos
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    05. Raksat
    Nina Simmons

    file_download
  • cover play_circle_filled

    06. Matizze
    Siddhartha

    file_download
  • cover play_circle_filled

    07. Gamma
    Socko

    file_download
play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play