menu Home
Maggio 9, 2022
MUTUL

#MusicInTheAir Podcast hosts this week :
MUTUL

Nuova settimana, ed ennesimo nuovo artista per il Podcast MusicInTheAir settimanale di Villahangar. Oggi è la volta di Mateu detto Mutul, nato e cresciuto a Selva, piccolo villaggio delle Isole Baleari da una famiglia di artisti La mamma era un’insegnante di pittura e papà grafico e amante della musica. Mutul ha poi deciso di partire e iniziare il suo viaggio diventando un artista affermato all’interno della scena della musica elettronica. Si è traferito a Barcellona dopo aver viaggiato per il mondo, dove ha sperimentato e assorbito una moltitudine di diverse culture musicali.

Mutul ha deciso di migliorare le sue capacità di produzione e di rivisitare la sua vitafatta di passione per la musica ereditata dal padre. Dice in proposito: “Sono fortunato ad avere un padre musicalmente dotato che mi ha introdotto ad Ableton quando ho perso la concentrazione nello studio. Da quel momento ho conosciuto il mio posto in questo mondo, all’interno dell’industria dell’arte e della musica, imparando il mio mestiere per diventare un musicista affermato”.

Dopo aver partecipato a Björk Digital, una mostra di realtà virtuale immersiva della celebre musicista islandese al museo contemporaneo di Barcellona, ​​Mutul rimase affascinato dall’arte in varie forme. La sua musica ha sviluppato un qualcosa in più in un groove strutturato e personale, con un focus sulle percussioni afro e la sperimentazione con la propria voce.

Cinque anni in studio lo hanno portato progressivamente a una vasta gamma di pubblicazioni di leading deep e progressive house insieme su label affermate a livello globale all’interno della scena.

Lo stile di Mutul oggi è da un lato tra Dub e Deep House e ora è sempre più più tribale e percussivo, e anche un po’ afro ed etnico. Spiega in proposito: “Ho una grande influenza dalla musica elettronica e alternativa e diverso dalla musica da discoteca come Deep House o Tech House. Per fare musica e influenzarmi, utilizzo sempre i miei artisti preferiti in ogni genere e cerco sempre di collegare le mie tracce con componenti organici; le registrazioni dalle foreste o dalle giungle appaiono in molte mie tracce, alcune delle mie voci vengono trattate come una più di una componente della canzone, vinyl crushes o rumori bianchi”.

A proposito di artisti di riferimento, dice: “Attualmente sto prendendo come riferimento Yamil o forse M.E.M.O, voglio essere in booking management e suonare negli stessi posti in cui lui sta suonando. Il mio progetto si concentra sullo stesso stile e le stesse vibrazioni. Ma sicuramente l’eleganza di Pablo Bolivar è sempre l’obiettivo da raggiungere”. E quando si toglie le cuffie da dj, ascolta spesso uno dei suoi idoli, Bonobo.
Il suo inverno è stato dedicato alla produzione musicale e ora si appresta alla stagione estiva. Ha un concerto a Barcellona in programma a maggio e inizierà a programmare più dj set con uno standard ben progettato, amando i beach club. Per i progetti musicali e di vita, spiega: “I miei piani attuali sono di pubblicare 24 brani che ho composto dalla famosa quarantena. Birds and I Get Lost è nato lì. Poi, a giugno 2021, ho deciso di lasciare il mio lavoro e ricominciare a trasferirmi nella mia città natale da Barcellona e finire lì tutto il progetto. Molte canzoni sono nate e migliorate automaticamente. Confido in queste 24 tracce per farmi riconoscere in qualche buona etichetta e poi vedere se qualche manager è interessato a me”.

Per il suo Podcast per Villahangar, racconta: “Mi sono divertito a mixare l’afro con le mie tracce, ho scoperto qui la mia proiezione futura. Vado a suoni afro”.

Quando e come è stato il tuo primo incontro con la musica?

Ricordo i miei primi incontri con la musica elettronica quando mio padre suonava Minimal e Tech House con i Traktor 2 negli anni 2000/2002, avevo 10 anni lì. Quindi, ho iniziato ad ascoltare e scaricare musica per poi mixarla anche con il software. Uno degli album che avevo in compact disc e che mi ha fatto decidere di fare questo viaggio è stato “Closer to the Edit di Richie Hawtin”.

 

Quando e come è iniziato il tuo percorso musicale? Quanto sei cresciuto e dove vivi ti influenza dal punto di vista musicale?

Ho iniziato a suonare in feste locali e promotori locali a Maiorca in giovane età a 15 anni con dj della zona, stavo iniziando ed è stato davvero difficile per me esibirmi in pubblico quando sono arrivati ​​i Pioneer CDJ. Avevo due giradischi a casa e mi stavo esercitando con il vinile e dovevo fare grandi sforzi. Ricordo che la prima volta che ho suonato con i CDJ, non l’ho mai usato, stavo usando un computer di un altro ragazzo ed era davvero frustrante. Ho incontrato la mia ragazza poco prima di suonare e ho pianto perché ero spaventato.

 

A proposito di uscite, che mi dici dei tuoi progetti passati, presenti e futuri?

Il mio passato in musica è MATE 0000, ero un principiante, ero solo, ho imparato da solo e le mie formazioni l’ho fatto a volte con altri ingegneri ma ho pubblicato materiale che non era il professionista che volevo. Allora ho deciso di farlo bene. I Mutul sono nati e tutta la musica che sta pubblicando al giorno d’oggi è accettata per me dal punto di vista emotivo e professionale. Molto tempo per pensare e migliorare ciascuna delle canzoni.

Cosa puoi dirci nello specifico della tua uscita con Seven Villas, l’etichetta di Pablo Bolivar? E la tua esperienza con questa etichetta? Qual è il suo stile?

L’uscita Fields è la mia migliore uscita fino ad oggi, la canzone di Fields è stata fatta molto velocemente, “era come se tutti i componenti e gli strumenti fossero collegati sin dal primo momento ed è stata la prima volta che l’ho saputo: quando ti fidi che la canzone è finita, è finita, ma se c’è una piccola idea che la track potrebbe migliorare, non è fatta. Pablo Bolivar è il mio mentore, sono stato davvero pesante con lui perché gli cerco sempre i feedback che posso e ho dovuto smettere di chiederlo, quanti giovani e principianti vogliono lo stesso da lui. Merita pace e relax. Seven Villas è una delle mie etichette preferite e tutte le tracce sono nell’EP quando ho sentito che era finito, ed erano per Seven Villas. E poi, è stata una fortuna che le mie previsioni siano riuscite, perché non sempre è così.

 

Cosa ne pensi della scena musicale spagnola? Quali pensi siano le differenze dell’Europa rispetto al resto del mondo?

Sono fortunato a venire da un paese dove abbiamo alcune delle città più artistiche e multiculturali. Sono fortunato a decidere Barcellona come la mia città, c’è una scena di club fantastica e grande, e sono fortunato a fare questa musica Dub and Deep a Barcellona perché c’è interesse per questo qui. Molti clubber da tutto il mondo vivono qui e vanno nei club ogni fine settimana. Allo stesso tempo penso che ci sia un grande potenziale per gli artisti spagnoli che giocano in giro per il mondo e per questo sto prendendo gol dalle loro carriere e sto studiando il modo per arrivare al loro management. Poi, in Europa abbiamo sicuramente le due “Mecca” della scena del clubbing. Londra e Berlino, quindi è bello star loro vicino, magari un giorno per volare e suonare lì…

 

Quale evoluzione pensi stia vivendo la musica elettronica sulla scena internazionale?

Sapevo bene questa cosa; c’è un gran numero di giovani ragazzi incredibili e talentuosi che vengono e crescono nelle classifiche musicali top e dovremo fare musica davvero buona da ora per essere uno di loro.

#TRACKLIST

01. Liza, Mutul – Siem Reap (iLya & Hippush Remix) / Unreleased
02. The Mabon Dawud Republic Feat. Dele Sosimi – Na Lie (Original Mix)/ Moblack
03. Yamil, Thimble – Guerreiro Da Paz (Original Mix)/ Monaberry
04. Arteforma, Mutul – Fresia / Unreleased
05. Afel Bocoum – Alasidi (Everything Counts, Migra Remix)/ MoBlack
06. Ayala (IT) – Sacred Steels (Original Mix) / Sol Selectas
07. Leon Lobato – Retro Love (Mutul Remix) / 3rd Avenue
08. Adrian Roman – Infinito (Original Mix) / MoBlack
09. Vidno – After Coma (Leomar Dub Reinterpretation) / Vidno Airlines Records
10. Mutul – Fields (Original Mix) / Seven Villas
11. Marcovits – Bungalow (Mutul DυႦ Iɳ Hαɾɱσɳყ Mιx) / Uzons Records


Share :




  • cover play_circle_filled

    01. Golden Hour (Iban Mendoza Interpretation)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    02. Golden Hour (David Moreno & Iban Mendoza Remix)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    01. Broken Melodies (Extended Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Broken Melodies (Radio Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    01. You Are Beautiful (Afro Take)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    02. You Are Beautiful (Sunset Mix)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    03. Shu
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    04. Piye
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Hanna Hais Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (La Santa Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Eisor Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    04. Mbokodo (Breeze and The Sun Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Original Mix)
    Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (Radio Edit)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Instrumental Mix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Cloud's Song (Original Mix)
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Sunset Journey (Original Mix)
    Alex Donati, Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Behind the Sun (Original Mix)
    Matt Sawyer, Manu EL

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Tribalistars (Original Mix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    02. Tribalistars (Miky J Villa Flaming Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    03. Tribalistars (Matt Sawyer Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    01. Bloom Together
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Rompom
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Odyssey
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Nguvu
    Double Drop

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Imposter of Syndrome
    Deckert

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Tembour
    Sound Shapes

    file_download
  • cover play_circle_filled

    04. Mount Athos
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    05. Raksat
    Nina Simmons

    file_download
  • cover play_circle_filled

    06. Matizze
    Siddhartha

    file_download
  • cover play_circle_filled

    07. Gamma
    Socko

    file_download
play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play