menu Home
Dicembre 20, 2021
DIRTY FLAV

#MusicInTheAir Podcast hosts this week :
DIRTY FLAV

Nato in Portogallo, nella località balneare di Leiria e residente in Svizzera da trent’anni anni, non lontano dalle montagne, a Losanna, Dirty Flav ha iniziato il suo percorso musicale a 16 anni, quando ha comprato i suoi primi Technics, e a 18 ha iniziato a suonare nei club.

Cresciuto in Svizzera, con una grande storia e cultura della musica elettronica, ispirato dai rave di fine anni ’90, oggi suona quasi sempre deep house, minimal, funky o più melodico. In passato, dal 1999, per lui molta più progressive house, in maggioranza deep house, techhouse o techno. Amante di soul e funk come Marvin Gaye o Prince, dal lato dj è stato molto ispirato in passato dalla musica house newyorkese e da dj come Danny Tenaglia. 

Ex membro del duo The Vintage insieme a Bruno, in poco più di un anno dalla loro formazione, grazie principalmente all’assistenza del produttore di Los Angeles Eddie Amador con la sua nuova etichetta MochicoPrimo!, che ha firmato e remixato molti originali e remix come la traccia di The Vintage “To Believe” rimasta nella top ten di Beatport per molte settimane, hanno messo a segno diversi successi. Come “The Vintage” con Wake Up America ​​su Sondos, una sotto etichetta per Subliminal Records gestita dalla dj star Erick Morillo, che è stata distribuita in tutto il mondo e ha impiegato solo tre settimane per esaurirsi.

https://soundcloud.com/dirty-flav

Con The Vintage ha pubblicato per diverse label: l’etichetta francese Mañana Records, la statunitense Groove On Records di George Morel, l’etichetta italiana DreamBeat records di Joe T Vanelli, la spagnola Tusom, la svizzera Helvetica Noir, l’etichetta bresiliana Eletrodomesticos Records, la portoghese Magna records e l’australiana Bellarine Records, con il supporto di djs come Erick Morillo, Eddie Amador, Roger Sanchez, David Morales, Pete Tong, George Morel, Danny Rampling, Dubfire, Richie Hawtin. Presenti in alcune trasmissioni radiofoniche di alta qualità come il programma radiofonico BBC1 di Pete Tong, il Release Yourself di Roger Sanchez e molte sessioni di compilation di cd.

Ha suonato con The Vintage come headliner nei club più importanti del loro paese di origine, il Portogallo e più volte in passato nei media più importanti come la rivista Danceclub, il programma radiofonico Antena 3 e diverse altre interviste in Dance TV ( sic radical ). Nel loro paese di residenza, la Svizzera, sono stati presenti in alcuni grandi Festival come il Sundance, Polaris, Montreux jazz, Afterseason, 1er aout in the city,love boat, Paleo,Fete de la Musique, Electroziles, Aftersun, Lake Parade, Rock oz’arenes, Chocolate, Label Suisse, e toccato le principali città come Losanna, Zurigo o Ginevra e hanno stabilito la residenza al D! Club dal 2003 al 2007 e dal 2012 al 2021. Ma anche al & Mad Club, uno tra i migliori club svizzeri, e per i Mad’Attitude, tra le migliori feste svizzere dal 2007 al 2009, oltre al Silencio Club di Ginevra dal 2012 al 2018.

Dal 2009, Flavio è tornato da solo al suo primo amore, deep&techhouse, con il nuovo nome Dirty Flav, facendo uscire in particolare produzioni per musica matura o dischi DeepStitched.

Ora è di nuovo resident al D! club, uno dei migliori club svizzeri, e suona in diverse città come Ibiza, Berlino, Parigi, Londra, Miami, Punta Cana, Lisbona, Sardegna, Bulgaria, Porto, Roma, Bruxelles, Gent, Madrid. 

Noto in Svizzera, Ibiza e Portogallo, oggi è concentrato con l’organizzazione delle sue feste: è resident al famoso party mensile We Are Deep a Losanna presso l’ABC bar Club, e anche a Pure Ibiza Radio per la seconda stagione. 

Come vivi ora e hai vissuto nel recente passato questo particolare momento di epidemia per l’umanità? Come hai rimediato all’impossibilità di viaggiare per i tuoi dj set?

Fortunatamente in Svizzera siamo il Paese in Europa che ha i club meno chiusi, ho avuto la possibilità di suonare qualche mese in un club mentre tutti gli altri erano chiusi. Le condizioni erano difficili perché abbiamo avuto un momento con una capienza massima di 300 persone, e per un club di 1000 persone dà la sensazione di essere vuoto. Abbiamo anche avuto un momento con mascherina obbligatoria che non è per niente piacevole né per i clienti né per lo staff del locale né per il dj. Nei mesi in cui ero fuori mi sono divertito molto a fare degli streaming di alto livello, in un magazzino con container marittimi, con un elicottero in cima a una montagna, in diretta dal D! club, per capodanno per un noto quotidiano svizzero e decine di migliaia di persone online e anche in studio.

 

Cosa ne pensi della scena musicale svizzera? Quali pensi siano le differenze con l’Europa?

La scena in Svizzera è molto forte! E’ un paese piccolo ma ha molti buoni club riconosciuti in tutto il mondo e città molto forti nel clubbing come Losanna, Zuerich, Basilea, Ginevra. Ci sono anche molti festival, in inverno ogni fine settimana c’è un festival diverso in una montagna diversa con dj molto bravi. La musica elettronica in Svizzera è sempre stata molto importante, già negli anni ’90 la Svizzera aveva enormi rave trance che erano i migliori al mondo. Da sempre c’è anche una forte richiesta di techno e anche la nuova generazione ama la techno.

 

Quale evoluzione pensi stia vivendo la musica elettronica nel panorama internazionale?

Vedo un’evoluzione molto buona, perché alla nuova generazione piace molto la musica elettronica, che sia techno o la nuova moda di ora… lo stile glyterbox o defected… cosa mi rende molto felice perché mi piace molto questo tipo di musica e l’atmosfera amichevole della vocal house & disco house.

Come sono stati per te i mesi di luglio e agosto? Hai avuto dei dj set? Restrizioni permettendo, ma ora i club stanno gradualmente riprendendo l’attività, hai dj set in programma al momento per il futuro?

Molto bene, soprattutto nel club in cui sono resident, ho potuto suonare con grandi dj come Danny Tenaglia, Sven Vath ecc.. Potrei anche organizzare la mia festa annuale sul rooftoop, e anche viaggiare e fare un concerto in Portogallo: per riassumere che è stata una buona estate per me e il mese di settembre è stato senza feste per l’organizzazione del mio matrimonio.

 

Viste le difficoltà della pandemia dell’anno passato, che ora speriamo siano state superate, come affronti la questione e in che direzione pensi che dovrebbe muoversi il mondo della musica per superare l’impossibilità degli eventi live?

Penso che purtroppo non sia ancora finita, anche oggi la pandemia sta tornando ad aumentare e molti Paesi chiudono ancora. Anche la Svizzera ha già introdotto nuove misure e di questo passo penso che dovremo chiudere ancora tra qualche settimana. Non vedo il mix di pandemia con feste/club/festival perché è totalmente opposto. Andare ad una festa è un momento di condivisione, di incontro, di baci e abbracci con gli amici, il che significa esattamente l’opposto di quello che dovresti fare durante una pandemia, quindi penso che l’unione di festa e Covid sia impossibile.

 

Cosa potresti dirci del tuo We Are Deep? Quali sono i tuoi ruoli?

We Are Deep è una festa che ho fondato quasi 10 anni di cui sono il fondatore e che gestisco, sono feste che facciamo per proporre la deep house e la buona atmosfera, la manteniamo a 250 a 500 persone per mantenerla intima, esplorando tutti i generi della deep house, minimal o più funky o melodico. Da sette anni si tiene in un club chiamato ABC – una delle stanze del Club D! – e anche in altre città, con feste all’aperto d’ estate come il tramonto e sui tetti. In inverno facciamo anche feste in montagna e l’abbiamo già esportata a Lisbona, nelle spiagge del Portogallo, in vetrine prestigiose come a ibiza al Cafe del Mar e anche in un festival a Punta Cana.

 

Sei residente al D!Club Losanna, uno dei club più importanti della Svizzera. Cosa puoi raccontarci? 

Ho il piacere di essere residente al D! club da circa 15 anni ed è chiaramente uno dei migliori club in Europa, una tappa obbligata per tutti i grandi dj… la programmazione è molto forte e ogni fine settimana abbiamo i migliori dj del mondo… quindi come resident ho il piacere di suonare con grandi dj come Sven Vath, Danny Tenaglia, Erick Morillo, Luciano, Loco Dice, Black Coffee, Louie Vega e molti altri.


#TRACKLIST

01. Davis – Waru (Luca Bacchitti Remix) / Endless Rec
02. Black Circle – What for (Luciano Remix) / Stride Rec
03. Hector Romero – Deep Shiver / Saw Rec
04. Mehari – Fame (Luciano Remix) / Cadenza
05. Fluida – a Self and Mind / Anjunadeep
06. Butch & Julie Marghilano – Last Tango (Doso and Pawas Remix) / Bedrock Records
07. Tuccillo – Loulu / Oblack Records
08. Franck Roger – Victoria’s Dreams / Realtone Records
09. Atjazz – Track 2 / Atjazz Records


Share :




  • cover play_circle_filled

    01. Golden Hour (Iban Mendoza Interpretation)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    02. Golden Hour (David Moreno & Iban Mendoza Remix)
    Jessy Green & The Axiom

  • cover play_circle_filled

    01. Broken Melodies (Extended Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Broken Melodies (Radio Edit)
    Jabzz Dimitri & Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    01. You Are Beautiful (Afro Take)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    02. You Are Beautiful (Sunset Mix)
    Dr. Feel feat. Zhané

  • cover play_circle_filled

    03. Shu
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    04. Piye
    Dr. Feel

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Hanna Hais Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (La Santa Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Eisor Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    04. Mbokodo (Breeze and The Sun Remix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Mbokodo (Original Mix)
    Leo Guardo

  • cover play_circle_filled

    02. Mbokodo (Radio Edit)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    03. Mbokodo (Instrumental Mix)
    Leo Guardo feat. Tabia

  • cover play_circle_filled

    01. Cloud's Song (Original Mix)
    Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Sunset Journey (Original Mix)
    Alex Donati, Matt Sawyer

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Behind the Sun (Original Mix)
    Matt Sawyer, Manu EL

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Tribalistars (Original Mix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    02. Tribalistars (Miky J Villa Flaming Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    03. Tribalistars (Matt Sawyer Remix)
    Knowhat

  • cover play_circle_filled

    01. Bloom Together
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Rompom
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Odyssey
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    01. Nguvu
    Double Drop

    file_download
  • cover play_circle_filled

    02. Imposter of Syndrome
    Deckert

    file_download
  • cover play_circle_filled

    03. Tembour
    Sound Shapes

    file_download
  • cover play_circle_filled

    04. Mount Athos
    Diass

    file_download
  • cover play_circle_filled

    05. Raksat
    Nina Simmons

    file_download
  • cover play_circle_filled

    06. Matizze
    Siddhartha

    file_download
  • cover play_circle_filled

    07. Gamma
    Socko

    file_download
play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play